Kaigon Vol II Estratto

[..] La ragazza passò oltre nell’ispezionare la stanza: con stupore vide un elegante scrittoio in legno massello scuro, sormontato da uno specchio, inutile orpello della vanità umana. Ciò che non sfuggì ai suoi occhi, però, fu la maestria dell’ebanista che scolpì le eleganti gambe del mobile: sinuose volute di foglie di acanto correvano dal pavimentoContinua a leggere “Kaigon Vol II Estratto”